mercoledì 11 aprile 2012

La, la, la, non so che dire **

Scuola, odio profondo verso la scuola iniziata proprio oggi, menomale che sabato è vicino uff ...
ma insomma, non lo cago di striscio sto blog poeraccio, ma arriviamo alle ultime stressanti settimane.

Forse le lettrici di queste blog non ricordano, ma parlai a suo tempo, di un ragazzo che mi aveva fatto girare la testa, di come ci litigai e di come tutto che quello che avevamo costruito si fosse infranto in mille pezzi, quando io, in una specie di sfavatura cosmica pronunciai la fatidica frase "non voglio più vederti" di come lui sbatacchiò la porta e se ne andò il resto è storia.

Ebbene, incontrai questo caro ragazzo, qualche settimana fa quando ero con le mie amiche al parco, una mia amica molto furba lo salutò e praticamente mi trascinò lì da lui per salutarlo, lui, ingiustamente privo di maglietta fra l'altro, arrivò da me, calciando via probabilmente l'orgoglio e tutto il rancore nei miei confronti e mi abbracciò, così, dal nulla.

Io da parte mia avevo passato quei 7 mesi senza di lui in modo molto tranquillo, si ci sono stata male all'inizio, ma la vita va avanti no ? Ecco in quel momento il mio cuore fece il contrario seppellì l'ascia di guerra, insieme al rancore, a tutte le cattiverie che ci eravamo detti e cominciò a battere come se avesse dovuto staccarsi dal petto e volare via.

Ecco da quel giorno, non faccio altro che pensare a lui e a come poter ricostruire il rapporto che avevamo quando ci siamo conosciuti e si per adesso è molto difficile, spero in una svolta.

Comunque tanto per cambiare argomento, sto leggendo questo libro "One day" di David Nicholls e mi piace da impazzire perciò ve lo consiglio.



Nessun commento:

Posta un commento